Notte di San Lorenzo, arresti e denunce

LEUCA- Notte di San Lorenzo con arresti e denunce nel Capo di Leuca. Numerosi  i posti di controllo sulle principali arterie di comunicazione, con conseguente controllo di soggetti con precedenti penali o sottoposti a misure restrittive della libertà.

Lanni Antonio, 22enne di Alessano, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Specchia. Erano diversi giorni che i militari lo tenevano d’occhio per i numerosi “assuntori” che orbitavano nei pressi della sua abitazione, anche minorenni. Avuta la certezza che qualcosa d’illecito stesse combinando, è scattata l’operazione. La perquisizione domiciliare ha permesso ai Carabinieri di Specchia di trovare una serie di attrezzi idonei al taglio e confezionamento di singole dosi di stupefacente, tra cui alcuni bilancini di precisione, 33 gr. di marijuana già divisa in piccole dosi e pronta per essere immessa sul mercato, un vasetto di olio di hascisc ed una pianta di marijuana alta più di 1,20 mt.  Recuperata anche una discreta somma in denaro trovata in possesso del fermato, provento di una pregressa e continua attività di spaccio.

E’ stato arrestato anche Di Vicino Giorgio, 23 enne di Napoli, già agli “arresti domiciliari” presso la comunità terapeutica “San Giorgio La Sorgente” di Lido Marini. Il giudice competente ha deciso di toglierli il beneficio della “comunità” e di farlo rinchiudere presso il Carcere per i minorenni di Bari a seguito di ulteriori reati commessi a Napoli.

Denunciato anche un 53enne di Morciano di Leuca in quanto sorpreso nel giardino di casa con  tre piante di marijuana di quasi un metro di altezza. Un 46enne di Morciano di Leuca è stato segnalato alla Prefettura di Lecce per uso di sostanze stupefacenti, poiché sorpreso dai militari con indosso 3,40 gr. di hashish.

Inoltre una famiglia di turisti svizzeri sono stati sanzionati per abbandono di rifiuti in quanto sorpresi a gettare dalla macchina un busta di immondizia contenente varie bottiglie e lattine esauste, lungo la Barbarano – Salve.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*