14enni travolti dopo la festa, Luglio nero sulle strade del Salento

TIGGIANO- Sulle strade del Salento si continua a morire, e il bilancio delle vittime di incidenti, giovani che perdono la vita o che finiscono in ospedale in condizioni gravi, a volte disperate, si aggrava con il passare delle ore. Le marine e le strade che portano nelle principali località turistiche si rivelano essere le più pericolose.
In mattinata sulla Nardò Santa Maria al bagno ancora un centauro ferito- un 28enne di Galatone in prognosi riservata al Fazzi. È uscito di strada in località Pagani dopo uno schianto con una Pegeaut .

Nella notte a Tiggiano un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze gravissime e il cui bilancio è comunque drammatico. Due 14enni appena usciti da una festa a Torre Nàsparo, marina di Tiggiano, sono stati travolti da una Citroen Berlingo condotta da un 60enne. Uno dei due adolescenti è al Fazzi, in prognosi riservata, è il più grave. L’amico è in ospedale a Tricase, anche lui con ferite in tutto il corpo.

Incidente nella notte anche a Porto Cesareo,dove si è registrato uno scontro tra una Volkswagen Sharan e una Fiat 500. All’origine del sinistro sembra esserci una mancata precedenza. Il bilancio è di due feriti, con trauma cranico, trasportati all’ospedale di Copertino.

Giovedì la giornata nera. Nel giro di poche ore hanno perso la vita 4 persone. L’ultimo il giovanissimo Simone Marchello, 17 anni di Lizzanello. È morto in ospedale in serata, trasportato a sirene spiegate dopo che con la sua moto è finito fuori strada sulla Vernole Melendugno, probabilmente dopo un sorpasso.

Valentina Pierri, 19enne barista di Ugento è morta dopo lo scontro frontale tra la sua Lancia Y e un’auto sulla quale viaggiava un’intera famiglia. L’incidente alla periferia di Casarano. Un impatto violentissimo. La ragazza è morta sul colpo, tra le lamiere accartocciate.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*