Xylella. La voce dell’Ulivo: “Trovate nuove cultivar resistenti”

LECCE-  La Voce dell’Ulivo trova nuove cultivar resistenti nel Salento. “Le varietà che ad oggi risultano essere prive di disseccamenti tipici del Co.Di.Ro. in zona epicentro, oltre a Leccino e Frantoio già ampiamente verificate, sono: Coratina, Pendolino, Bella di Cerignola e Cipressino; mentre le cultivar su cui gli effetti dei disseccamenti da Co.Di.Ro. sono presenti in maniera più o meno visibile, oltre alle già conosciutissime Ogliarola e Cellina, sono: Carolea, Nocellara del Belice, Cima di Melfi, Nociara, Bianco Lilla e Ascolana”. “In definitiva ad oggi – per la voce dell’Ulivo – lo scenario potrebbe essere la resistenza/tolleranza di ben sei cultivar e il disseccamento di altre otto cultivar”.

L’Associazione Voce dell’Ulivo tiene a precisare che i monitoraggi proseguiranno, in modo particolare, sulle nuove varietà riscontrate indenni da disseccamento, in quanto le stesse sono rappresentate da popolazioni numericamente inferiori rispetto a quelle di Leccino e Frantoio.

Il lavoro di monitoraggio, condotto con le proprie risorse dai componenti la Voce dell’Ulivo e con il supporto di altri agricoltori e tecnici ha consentito l’ottenimento di queste preziosissime evidenze che, se confermate dalla scienza, potranno cambiare il destino del nostro territorio.

“Riteniamo possibile che le varietà resistenti, oltre a garantire un futuro olivicolo al Salento, attraverso lo studio dei loro meccanismi di difesa dalla fitopatia, possano dare indicazioni utili a trovare una cura per salvare i nostri patriarchi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*