Non si ferma all’Alt della Polizia: denunciato di nuovo il padrone del pitbull che azzannò la bimba

LECCE- Al volante sotto l’effetto di stupefacenti e senza patente. Nuovi guai per il padrone del pitbull che qualche settimana fa ha azzannato una bimba di tre anni. Si tratta dello zio di 22 anni che all’alba si trovava a bordo della sua Alfa 147.

Guidava a velocità sostenuta in via Adriatica dove è stato notato da una Volante che gli ha intimato l’Alt azionando il dispositivo luminoso d’emergenza. Il 22enne però non si è fermato e ha proseguito la sua corsa verso Torre Chianca. Da qui l’inseguimento, ultimato con un incidente: tra via Adriatica e via Sesia, il giovane si è schiantato contro un palo dell’illuminazione pubblica. Violento l’impatto. Il mezzo si è capovolto e lui è riuscito ad uscire dall’abitacolo cercando invano di fuggire nelle campagne vicine. Ma gli agenti lo hanno prontamente bloccato.

Sembrava agitato e sotto l’effetto dell’alcol. E’ stato quindi condotto al Fazzi dove, a seguito di alcuni controlli, è risultato positivo all’uso di COCAINA e CANNABINOIDI. Non è stato invece possibile accertare anche l’abuso di alcolici poiché il 22enne si è rifiutato di sottoporsi al prelievo ematico. In auto però sono state trovate diverse lattine di birra.

Al termine degli accertamenti, il 22enne è stato denunciato per guida senza patente e sotto l’effetto di stupefacenti e dalla Sezione Volanti per resistenza e false dichiarazioni a pubblico ufficiale.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*