Oggi alle urne dalle 7 alle 23, ecco come si vota

LECCE- Anche se oggi sarà una giornata invitante per andare a mare, l’apertura delle urne fino alle 23 dovrebbe rendere più agevole la possibilità di votare. L’importante è non dimenticare che ci si deve presentare agli uffici elettorali di sezione con un documento di riconoscimento valido e la tessera elettorale personale a carattere permanente, che ha sostituito il certificato elettorale. Al fine di agevolare il rilascio delle tessere elettorali (non consegnate o dei duplicati), gli uffici comunali sono rimasti aperti tutto il weekend, venerdì e sabato dalle 9 alle 18, e oggi 31 maggio dalle 7 alle 23.

Per le regionali “la scheda per l’elezione del Presidente è quella stessa utilizzata per l’elezione del Consiglio: con i nomi dei candidati alla carica di presidente, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o della coalizione di liste con cui il candidato è collegato, disposti secondo l’ordine risultante dal rispettivo sorteggio in righe orizzontali di un contrassegno dall’alto verso il basso. Sulla destra di ogni contrassegno è riportata una riga tratteggiata per l’espressione del voto di preferenza per un candidato al Consiglio regionale.

Il voto è disgiunto: significa che si può votare un presidente e un candidato che non facciano parte della stessa coalizione.

La legge infatti ci dice che “ciascun elettore può altresì votare per un candidato alla carica di presidente, anche non collegato alla lista prescelta, tracciando un segno sul relativo rettangolo”. Ciascun elettore può esprimere, inoltre, un solo voto di preferenza per un candidato della lista da lui votata, scrivendone il cognome sull’apposita riga posta a fianco del contrassegno. In caso di discordanza tra il voto di lista e il voto di preferenza per il candidato consigliere, il voto viene attribuito alla lista del candidato prescelto, al candidato medesimo, nonché al candidato presidente collegato se non espressamente votato.

Se l’elettore ha segnato più di un contrassegno di lista, ma ha espresso la preferenza per un candidato appartenente a una soltanto di tali liste, il voto è attribuito alla lista cui appartiene il candidato indicato, nonché al candidato presidente collegato se non espressamente votato.

Ricordatevi, quindi, che si può votare un candidato presidente, crociando sul relativo rettangolo, e un candidato consigliere di qualsiasi lista, scrivendo il suo cognome.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*