Un defibrillatore in spiaggia, 150 abilitati in più nei lidi del Salento

LECCE- La legge parla chiaro: da quest’ anno in provincia di Lecce le spiagge private hanno l’obbligo di essere dotate di un defibrillatore e del personale di salvataggio abilitato ad usarlo.
Quest’estate il Salento avrà 150 operatori turistici in più che hanno raggiunto, dopo un corso, l’abilitazione e che hanno ricevuto l’attestato ufficiale durante una cerimonia nell’hotel leone di Messapia.

È stata Federbalneari a volere fortemente l’organizzazione del corso. Il defibrillatore può salvare vite umane, è fondamentale in attesa dell’arrivo dell’ambulanza in spiaggia. E purtroppo il bollettino dei morti in mare è tragico, ogni estate. Malori improvvisi, annegamenti, infarti. Un defibrillatore può rimettere in moto un cuore che si ferma. Questo significa continuare ad ossigenare il cervello in attesa dei soccorsi, evitare danni permanenti e spesso salvare la vita.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*