Dopo lo sbarco, fermati 5 siriani: avevano documenti falsi

ANDRANO- Ad insospettire i carabinieri sono stati i documenti falsi. Per questo 5 siriani, arrivati ieri sulle coste di marina di Andrano insieme ad altri 9 migrati sono stati sottoposti a fermo dai carabinieri e portati in serata presso il comando provinciale di Lecce dove sono stati sottoposti ad identificazione e foto segnalamenti.

Lo sbarco sulla costa del sud Salento. In tutto 14 persone, tra cui quello che è stato ritenuto lo scafista: un brindisino di 32 anni.Nella notte tra giovedì e venerdì, il gommone che puntava verso le coste salentine è stato intercettato nel canale d’Otranto dalle motovedette della Guardia di Finanza che lo hanno monitorato sino all’arrivo sulla costa, senza mai perderne di vista i movimenti.

Si è atteso pazientemente che lo scafo approdasse e che le persone a bordo fossero salve a riva, per intervenire. Il brindisino è stato bloccato subito, gli altri sono stati rintracciati a piccoli gruppi. I 5 siriani sono stati fermati dai carabinieri di Tricase. Durante le procedure di identificazione la scoperta: avevano documenti falsi. Sono scattate subito tutte le procedure di sicurezza, serratissime di questi tempi. La paura che tra i profughi possano nascondersi potenziali terroristi è più che concreta. Ora dovranno spiegare esattamente da dove provengono e perché fossero muniti di documenti falsi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*