Alimenti, giocattoli e consulenze gratuite: 3 associazioni contro la povertà

LECCE- Alimenti, giocattoli e uno sportello legale gratuito a cui rivolgersi. Il tutto a vantaggio delle famiglie in difficoltà, che vivono in condizioni economiche disagiate, con un reddito inferiore a 7.500 euro annui del modello ISEE.

A dare il via a questo progetto sono tre associazioni leccesi: FRATRES, CSI e LADYBUGS che hanno ufficializzato il loro sodalizio in occasione dell’inaugurazione della sede dell’Associazione Fratres San Giovanni Battista e CSI San Massimiliano Kolbe, che si trova proprio in via San Massimiliano Kolbe a Lecce.

Tra i presenti, l’assessore allo Sport del Comune di Lecce Nunzia Brandi il Consigliere provinciale Roberto Martella, in rappresentanza del presidente Gabellone, il quale  parteciperà personalmente alla raccolta alimentare presso i supermercati Iper Mac e Super Mac di Lecce e che, a partire da sabato 24 gennaio, si terrà un sabato al mese per tutto l’anno.

Per quanto riguarda la raccolta dei giocattoli, ognuno potrà donare un gioco all’associazione che provvederà durante le feste di natalizie o in occasione dei compleanni dei bambini delle famiglie in difficoltà a recapitare i regali. Chi invece avrà bisogno di un’assistenza legale potrà rivolgersi allo Sportello gratuito e contare sull’aiuto dell’avvocato Marco Putignano.

“Sono contento di poter fare qualcosa per loro – ha dichiarato l’avvocato Putignano – In un momento di estrema difficoltà per tutti, in cui la povertà è in continua crescita e le difficoltà sono tante, comprese quelle di sfamare i propri figli, bisogna che tutti noi cerchiamo di fare qualcosa, è una questione non solo sociale, ma di dignità sociale e quindi della nostra stessa dignità di cittadini”. E’ d’accorso il consigliere Martella che del suo impegno per il volontariato ne ha fatto una missione “Vivo tra le gente e so cosa sta accadendo – dice il consigliere Martella – se avessimo la bacchetta magica risolveremmo tutti i loro problemi, ma siccome siamo solo esseri umani come loro, allora ci impegniamo fino in fondo per alleviare il loro dolore e aiutarli a sostentare le loro famiglie”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*