Operazione Eclissi, si costituisce l’ultimo ricercato

LECCE- Chiuso il cerchio sull’operazione Eclissi della polizia che lo scorso 18 novembre ha portato in carcere 35 persone. L’ultimo dei catturandi, Antonio Alvaro Montinari, 45enne di Lecce, ieri sera, si è costituito in carcere accompagnato dai propri legali Giuseppe De Luca e Angelo Pallara.

Durante l’interrogatorio di garanzia odierno dinanzi al gip Alcide Maritati, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il 45enne è accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso e associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

L’Operazione Eclissi ha portato in carcere i gruppi emergenti e i loro capi, molti detenuti che con una fervida attività intrattenevano relazioni con l’esterno anche da dietro le sbarre. Ai vertici i soliti nomi: Nisi, ormai in declino, picchiato in carcere e senza più luogotenenti, molti passati nelle fila di Maurizio Briganti, il più forte. E poi il gruppo Vernel, quello dei Pepe, Gioele Greco, William Monaco, giovane e spietato. Era sempre lui, secondo la Dda e gli investigatori della Mobile a impugnare la calibro 7,65 che ha ripetutamente fatto fuoco su bar, negozi e pizzerie della città: il Bellini Caffè”, il “Good Look”, il “Caffè Carletto”, “La diavola” , “GLI ELETTRICI” , solo per citarne alcuni .

In carcere è finita anche Carmen Blago, moglie di Briganti. Ordinanze anche per i detenuti nel carcere di Padova Cristian PEPE e Ivan FIRENZE, che con dei pc portatili che in carcere dovrebbero essere privi dell’accesso internet, comunicavano invece con l’esterno grazie a delle chiavette fornite da qualcuno. Conversazioni preziose per gli inquirenti che le hanno intercettate, ma che hanno messo nei guai agenti della polizia penitenziaria sui quali si sta indagando.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*