Asl Lecce: partecipano in 23 ma la più brava una vendoliana di Sel, merito … delle combinazioni o omonimia?

LECCE- Il 19 novembre 2014 è stato bandito l’avviso pubblico per selezionare una unità per il dipartimento di Comunicazione Istituzionale nella Asl di Lecce ed il 30 Dicembre viene assegnato l’incarico con delibera n. 2324 malgrado l’ordinaria amministrazione. Pronta un’interrogazione del consigliere d’opposizione Mazzei sulla legittimità dell’atto proprio in virtù della proroga ricevuta dai direttori generali ma c’è di più.
Su 23 nominativi di soggetti idonei al ruolo di “comunicatori” dell’azienda sanitaria di Lecce raggiunge il primo posto, ricevendone la promozione, Sonia Pellizzari giornalista che, come tutti gli altri concorrenti, presenta i propri titoli e supera a pieni voti la prova colloquio. Solo una combinazione, che certamente non inquina la professionalità della stessa, la sua militanza nel partito del governatore Vendola, le collaborazioni militanti con il Presidente uscente, con il suo braccio destro Fratoianni, con il Senatore Stefano e non ultima, arrivando quarta, la sua corsa nelle primarie per la candidatura alla Camera dei Deputati nelle ultime elezioni politiche sempre che non sia un caso di omonimia malgrado le foto pubbliche del profilo Facebook.

Fermo restando tutto ciò, che rappresenta mera combinazione rispetto agli altri 22 partecipanti per il conferimento dell’incarico per la comunicazione istituzionale e per l’ufficio relazioni con il pubblico della Asl leccese, un altro interrogativo è legato alla tempistica di affidamento ed al fatto se fosse proprio necessario questo Co.co.co. avendo svolto, sino al 30 dicembre, simile ruolo un dipendente interno all’azienda. Per concludere: perché viene firmata la delibera il penultimo giorno del 2014 e stesso giorno in cui la giunta regionale decide, e nomina , il nuovo commissario della Asl? Ed ancora: perché si procede a questo incarico se è vero che il ruolo, negli ultimi tempi, è stato svolto da un dipendente senza costi aggiuntivi?

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*