Commissariamento Porto Cesareo. Il Pd: ”E’ terminata una situazione paradossale”

PORTO CESAREO- Il commissariamento del comune di Porto Cesareo è giunto da un paio di giorni. Al sindaco Salvatore Albano è subentrato il viceprefetto Monica Perna. Mancavano i numeri per amministrare: a seguito di alcune dimissioni, si è venuta a creare una compagine consiliare insufficiente, pari a 5 consiglieri più il sindaco.

Il Pd, che da tempo denunciava la situazione “paradossale “ venutasi a creare nel comune in riva allo ionio” ha spiegato le ragioni della sua posizione in una conferenza stampa alla quale hanno preso parte, tra gli altri, alcuni parlamentari salentini, Fritz Massa che sulla questione ha interrogato il ministero, Salvatore Capone che ha ribadito “ Quanto deciso era già scritto in quelle dinamiche amministrative da tempo. Già nell’aprile scorso, personalmente avevo interpellato il ministero dell’Interno, e la stessa Prefettura di Lecce in più occasioni, al fine di verificare e garantire il corretto funzionamento dell’organo consiliare e non esito a dire che aver scelto di portare alle estreme conseguenze la situazione politico-amministrativa appariva già nei mesi scorsi una scelta quanto meno improvvida”, la segretaria cittadina del circolo Pd di Porto Cesareo, Monica Viva, il coordinatore di area Maurizio Colucci. Un commissariamento che si chiedeva da tempo, – anche per l’on Fritz Massa , per il quale “sarebbe, anzi, stato utile ed opportuno che l’amministrazione cesarina avesse preso atto di questa situazione senza la necessità di arrivare al provvedimento adottato, tardivamente , dalla prefettura

L’on Massa, e il Pd, esprimono la propria vicinanza al sottosegretario al Lavoro Teresa Bellanova da alcuni giorni sotto scorta in seguito a minacce ricevute in relazione al suo impegno per l’approvazione della legge sul ‘Jobs act’.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*