Tragedia sulla 275, la strage continua

SCORRANO-È stato l’inferno sulla statale 275. Una tragedia della strada come poche se ne ricordano negli ultimi tempi: tre morti nel giro di qualche secondo , diversi feriti tra cui una bimba di 3 anni su una strada maledetta, una statale che collega Maglie a Leuca, ma che di statale ha ben poco: stretta , a doppio senso di marcia, senza il guard rail.
Le vittime sono i coniugi Mario Bruno Brunetta e Anna Giorgino, di Corigliano d’Otranto, 65 e 63 anni, morti tra le lamiere della loro Ford Fiesta. A bordo c’era anche la figlia Natalia di 36 anni, ricoverata a Scorrano, operata d’urgenza. Sta lottando tra la vita e la morte, e la nipotina di 3. Ferita anche lei ma non in modo grave. È stata miracolata perchè sbalzata fuori dall’auto. Erano diretti a scorrano ad ammirare il bellissimo albero di Natale.

Sull’altra auto, una Fiat Croma, la terza vittima, Salvatore Rocco Martina, 46 anni, originario di Tricase ma residente a serrano, frazione di Carpignano, un comune ora sconvolto. Nello scontro è rimasta coinvolta anche una 600 sopraggiunta nei minuti successivi: a bordo una famiglia di Montesano salentino con la figlia di 14 anni.

Gli automobilisti che sono passati subito dopo si sono trovati davanti una scena agghiacciante. Pochi minuti e la strada è stata bloccata dalle forze dell’ordine. Sul posto vigili del fuoco, ambulanze, polizia e carabinieri. Nessuno ha potuto far nulla per le vittime, se non tirarle fuori, ad una ad una, dalle lamiere.

I carabinieri di Maglie e Scorrano stanno conducendo le indagini per capire se ci sia stata un’improvvisa inversione di corsia, un sorpasso azzardato, la perdita di controllo da parte di uno dei conducenti. La 275 conferma purtroppo il suo triste primato e le polemiche si riaccendono.

La messa in sicurezza di una strada frequentatissima è ferma da anni. Inutili le fiaccolate e i tavoli, il progetto è bloccato. E oggi c’è chi parla di burocrazia assassina.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*