Il Lecce rifà i conti: nove punti fino alla Befana

LECCE- La scalata al primo posto non si è fermata certamente a Foggia. La frenata in casa dei rossoneri, però, ha rallentato lo slancio della formazione leccese che poteva sperare di accomodarsi sulla poltrona più ambita già per la Notte di Natale. A meno di clamorosi scivoloni delle concorrenti i giallorossi devono mettere da parte questo pensiero, che non smette di essere da stimolo per una squadra che in primavera inoltrata (se non prima) spera di essere davanti a tutte, anche con un margine di vantaggio da poter in qualche modo gestire.
Intanto, Abruzzese e compagni rifanno i conti. Cioè, programmano tre vittorie in altrettanti incontri, quelli che restano dalla sfida contro il Martina di sabato alla partita contro la Vigor Lamezia che chiuderà il girone di andata. In mezzo la trasferta di Ischia. Il Lecce vuole, dunque, una calza ben imbottita, che ingrossi la classifica. La formazione salentina denuncia oggi un ritardo di sei lunghezze dalla capolista Salernitana. La squadra leccese può contare prima del giro di boa su due partite casalinghe e una esterna. Stesso percorso per la Juve Stabia, attualmente terza: gli stabiesi riceveranno la visita di Melfi e Benevento e andranno a far visita alla Vigor lamezia.

La capolista Salernitana, invece, chiuderà il girone di andata lontano dall’Arechi: dopo la trasferta di Barletta, la prossima, e l’impegno interno con il Messina, aprirà il nuovo anno con il derby sul campo della Casertana. Anche il Benevento, secondo, avrà due trasferte e un incontro casalingo: Messina e Juve Stabia fuori, Cosenza in casa. Il calendario più agevole, ma è meglio dirlo sottovoce, sembra averlo proprio il Lecce. Non sarebbe male se i giallorossi chiudessero il girone di andata riducendo anche di poco il distacco dalle antagoniste e soprattutto dall’attuale leader del girone, la Salernitana.

Intanto è bene riscattare la sconfitta di Foggia e mettere sotto un Martina che al Via del mare venderà cara la pelle. Il tecnico Lerda ritrova Lopez: il terzino sinistro ha scontato il turno di squalifica e torna disponibile. L’allenatore giallorosso dovrebbe ricollegare la catena di sinistra con Lopez e Doumbia anelli estremi. Potrebbe essere l’unica novità rispetto all’ultima esibizione. Il tecnico giallorosso dovrebbe dare ancora fiducia a Moscardelli nonostante la giornata storta di Foggia. Forse ci potrebbe essere spazio per Miccoli, ma probabilmente non dall’inizio.  

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*