Via libera dalla Giunta al bilancio 2015. 360 mln in meno da Roma. Ne farà le spese la sanità

BARI- Le tasse non saranno modificate, né in bene né in male. Il Bilancio che la giunta regionale ha approvato di fatto non contiene grosse novità rispetto allo scorso anno. Almeno per il momento. Anzi lo ricalca totalmente. Una scelta voluta dall’assessore al ramo Di Gioia per tre motivi: il primo è che da Roma sono in arrivo pesantissimi tagli che, ben che vada, dovrebbero sottrarre alle casse della Regione 360 milioni di euro. L’80% dei quali peserà sulla sanità, il resto sul trasporto pubblico locale. Due nervi scoperti della società. Il secondo motivo è che occorreva sottrarre il bilancio dalla contesa politica che da parte a parte non farà che diventare più cruenta. Il terzo è la volontà di lasciare al prossimo governatore scelte importanti. Quindi resta l’impostazione del bilancio precedente perché – ha spiegato a Telerama l’assessore Di Gioia – è la sintesi di un accordo politico.

Dunque, stando a quanto approvato lo scorso anno, dovrebbero essere confermati 40 milioni alla sanità, i 10-15 milioni per il trasporto pubblico locale ma soprattutto i 17 milioni di euro ai Consorzi di Bonifica, da dividere in due trance e che si perderanno ancora una volta nel mare di debiti degli enti e che oramai supera i 400milioni di euro. Un contributo dovrebbe anche arrivare alla fondazione Ico Tito Schipa di Lecce che ora più che mai è in un periodo drammatico.

Dalla prossima settimana il bilancio comincerà l’iter nelle Commissioni e difficilmente riuscirà a rimanere indenne dal fuoco incrociato dei partiti. La giunta ha dato anche il via libera al NO al gasdotto Tap a San Foca. Il diniego dell’autorizzazione sarà presentato nella Conferenza dei servizi convocata al Ministero.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*