Appello disperato dei gemelli Quarta: un privato paga la cartella Equitalia

QuattroStelle

MERINE- In casa dei gemelli Quarta di Merine arriva un regalo di Natale anticipato: un privato ha pagato un debito da 1.800 euro della famiglia.
Era una cartella di Equitalia per una tassa sui rifiuti che il padre di Marco e Sergio non è riuscito a pagare. I ragazzi sono costretti a letto per la rara e gravissima distrofia di Duchenne, le loro vite sono legate ad un respiratore. Eppure, nonostante questo, non tutto è dovuto a questa famiglia sopraffatta dalla malattia. Ecco perchè, per l’ennesima volta, qualche giorno fa i gemelli hanno lanciato una sorta di ultimatum alle istituzioni: “Se non aiutate i nostri genitori, chiederemo di staccare la spina del respiratore”. E questo appello disperato ha fatto il giro del web e non solo: in questa settimana se ne occuperanno le tv nazionali.

L’aiuto che serve è quello per pagare le bollette. Il personale territoriale di Equitalia ha incontrato l’assessore ai servizi sociali del Comune di Lizzanello e, all’appuntamento, si è presentato anche Giuseppe Della Tommasa, titolare di un negozio di articoli ortopedici e sanitari. Ha chiesto a quanto ammontasse l’importo della cartella inviata alla famiglia Quarta ed ha estinto il debito. Si tratta di circa 1.800 euro, con i quali ora risulta pagata la Tares, oltre ad alcuni bolli in sospeso di una vecchia moto.

Dal canto suo, l’assessore Adele Ingrosso, oltre a ringraziare il benefattore, si impegna in prima persona ad ottenere agevolazioni sulla Tares a tutte le famiglie che hanno in casa persone ospedalizzate.  Nel frattempo, ci sono altri debiti ancora da estinguere: ci sono 3mila euro di metano da pagare. Ricordiamo che, invece, la corrente elettrica è da tempo offerta da un imprenditore di Milano, che ha scritto per la seconda volta alla Regione, senza ottenere risposta a detta del padre dei gemelli, chiedendo che, in un caso limite come quello di Marco e Sergio, l’erogazione della corrente sia appannaggio del Servizio sanitario nazionale.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*