275, aspettando l’incontro romano con Anas per non perdere 288 milioni

MAGLIE- La corsa contro il tempo per salvare i fondi destinati a raddoppio e messa in sicurezza della Maglie-Leuca continua. Tra 10 giorni, martedì 18 novembre, quattro deputati della provincia di Lecce incontreranno Pietro Ciucci, amministratore unico di Anas. Bisogna fare in fretta: il 31 dicembre è il termine ultimo per cantierizzare l’opera o il Salento dovrà dire addio a 288 milioni di euro.
Un incontro bipartisan: Rocco Palese e Roberto Marti di Forza Italia, e Fritz Massa e Salvatore Capone del PD vogliono che Anas risolva il pasticciaccio dell’appalto -l’aggiudicazione del quale è stata dichiarata illegittima dal Consiglio di stato- e dia il via ai lavori di ammodernamento.

In caso contrario, il finanziamento verrà dirottato su altre opere. I fondi non si perderebbero per applicazione dei meccanismi dello Sblocca Italia, nel cui elenco la Maglie-Leuca non è menzionata, ma potrebbero comunque rientrare nel calderone venendo destinati ad altri lavori. Lo ha spiegato bene il sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro: “Non c’è nessun’altra opera dietro l’angolo: quei soldi si perdono e basta e poi sorgerà un problema di riassegnazioni. L’importante è spenderli, senza alimentare la guerra tra poveri”.

Lui ha già incontrato Ciucci, ma senza ottenere risposta. Ora tocca ai deputati del territorio.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*