4 novembre: piccoli italiani crescono e festeggiano Unità e forze armate

LECCE- In questo 4 novembre non si festeggiano solo l’Unità d’Italia e le forze armate, ricorrono anche i 100 anni dall’inizio della Prima guerra mondiale. Il comitato provinciale per la valorizzazione della cultura della Repubblica, quest’anno più che mai, ha voluto rendere i giovani protagonisti dell’evento.
Oltre alla tradizionale deposizione della corona ai piedi del monumento ai caduti, è stato lanciato il progetto 4X4, 4 ashtag per il 4 novembre, con il quale i ragazzi hanno potuto dire la propria, nel linguaggio velocissimo del momento, su patria, pace, tolleranza e valori. Iniziativa che ha prodotto spunti e riflessioni interessantissimi e che si è aggiunta al concorso indetto dall’associazione nazionale Arma di Cavalleria “Invia un sms al nemico per evitare la guerra”.

Ed è anche la giornata in cui le caserme spalancano le porte ai cittadini, svelando il mondo delle forze armate e le vite di donne e uomini in divisa. Per questo ha aperto anche la scuola di volo di Galatina. L’Aeroporto Militare “Fortunato Cesari” è stato invaso -in maniera che più pacifica non si può- da centinaia di bambini, ragazzi e famiglie, che hanno toccato con mano gli aerei militari -dall’MB 339 al nuovissimo T 346“. A spiegare dati tecnici e snocciolare curiosità è Gregory, istruttore pilota salentino del 61° stormo.

E’ stato un successo, oltre che una giornata di informazione per i tantissimi -e il dato è in crescita- che “da grandi” vogliono indossare la divisa.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*