Travolti in scooter: muore 16enne, grave il fratello

SALICE SALENTINO- Inseparabili i due fratelli, nonostante la differenza d’età. Graziano , 21 anni e Samuele di 16 di Salice Salentino, uniti anche nella tragedia, in quello scontro micidiale avvenuto intorno alle 23 nel centro abitato di Veglie che è costato la vita al più piccolo, scaraventato violentemente contro un muretto.

Non ce l’ha fatta, e nonostante all’arrivo delle ambulanze del 118 respirasse ancora, appena arrivato al Fazzi è morto, tra la disperazione dei genitori e dei parenti accorsi appena la notizia è arrivata come una doccia fredda. C’è voluto un po’ per identificarlo: non aveva documenti addosso, e il fratello Graziano era incosciente. Anche lui è gravissimo, tenuto in coma farmacologico in Rianimazione, secondo in medici se la caverà.

È finito nel peggiore dei modi il sabato sera di fine estate di due ragazzini che avevano deciso di trascorrere a veglie una serata con gli amici, orgogliosi del loro scooter 50 acquistato da poco. Volevano godersi gli ultimi scampoli d’estate prima del rientro a scuola , e invece il destino ha voluto diversamente.

fratelli panico

Sulla dinamica dell’incidente sono in corso le indagini dei carabinieri di Campi Salentina. Lo scontro tra lo scooter e un’Opel Zafira è avvenuto in periferia, nei pressi della provinciale per Leverano.

Secondo le testimonianze, lo scooter è uscito all’improvviso da via gentile immettendosi su via madonna dei greci dove transitava l’Oper Zafira che lo ha travolto. A bordo un medico di veglie che tornava a casa dopo il turno di lavoro nell’ospedale di Manduria.

Non ha fatto in tempo a frenare. All’arrivo dei soccorsi i corpi dei ragazzi erano sull’asfalto, sbalzati lontano nell’impatto. Una scena terribile anche per i residenti che hanno che hanno sentito un boato e che si sono riversati per strada.

Poi la corsa in ospedale la notizia che nel giro di poche ore ha fatto il giro del paese, Salice Salentino dove i ragazzi stavano rientrando.

 

moto veglie

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*