“Noi, leccesi dimenticati”. La denuncia dei residenti Agave

LECCE- I primi appartamenti furono consegnati dieci anni fa ai residenti. Oggi, gli stessi residenti denunciano lo stato di abbandono e degrado in cui versa l’intero quartiere. Ecco com’è il complesso residenziale Agave, nei pressi di via De Mura, a Lecce. Gli abitanti si sono rivolti allo Sportello dei diritti, che ha scattato e pubblicato delle foto, ed è stata avviata una raccolta firme.

Sterpaglie, che hanno già dato vita ad un vasto incendio, con fiamme che hanno lambito i palazzi; opere -come i marciapiedi- rimaste incomplete; manutenzione assente. I residenti dicono di essersi rivolti all’amministrazione comunale e la risposta sarebbe stata: “Abbiamo le mani legate, la manutenzione delle aree a verde pubblico è di pertinenza della ditta lottizzante”.

Con la petizione si chiede che l’amministrazione provveda direttamente all’esecuzione dell’ordinaria manutenzione del complesso rivalendosi sul lottizzante tramite la fidejussione assicurativa rilasciata in sede di Convenzione. Solo così l’Amministrazione si farebbe garante dei diritti dei propri cittadini che, a distanza di oltre dieci anni, ancora pagano carenze non dovute a coloro che hanno corrisposto il prezzo d’acquisto degli immobili e della stessa Amministrazione Comunale.

La petizione chiede:

– che si provveda alla rimozione e/o ultimazione delle opere incompiute ed alla chiusura definitiva delle aree di cantiere ancora aperte;
– che, fra le opere da ultimare, si dia completamento alle aree destinate a verde attrezzato, le quali attualmente risultano dei lotti di terreno liberi ed incolti, dove cresce soltanto vegetazione infestante; situazione, questa, indecorosa per un quartiere cittadino;

E ancora: che si dia una regolamentazione alla circolazione veicolare ed al parcheggio (finora selvaggio) all’interno dell’intero comparto; magari con la presenza periodica di pattuglie della polizia municipale e di altre Forze dell’Ordine.

Ecco le foto scattate dallo Sportello dei Diritti:

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*