Castiglione d’Otranto, arriva la “Notte Verde”

CASTIGLIONE D’OTRANTO- Domani si festeggerà la terra con la terza edizione della “Notte Verde- AgriCultura & Sviluppo Sostenibile”, a Castiglione d’Otranto.
A partire dal tardo pomeriggio e fino all’alba, il borgo ospiterà dibattiti, esposizioni, performance artistiche ecologicamente sostenibili, mostre. Tra le riflessioni, anche quella di Maurizio Pallante, colonna portante del Movimento per la Decrescita Felice. Sarà un’edizione targata No Tap e No Ss 275.

L’ appuntamento richiama ogni anno migliaia di visitatori ed è imprescindibile per tutti coloro che hanno a cuore le buone pratiche legate alla terra, al rispetto della biodiversità locale, della salute delle persone e dell’ambiente. È, soprattutto, la festa che chiude un anno di attività rurali e ne apre un altro per l’intera comunità. Nella piccola frazione di Andrano, infatti, da tempo si sperimenta agricoltura naturale grazie alla riconversione di terreni abbandonati, ceduti dai residenti, in comodato d’uso gratuito, ad un gruppo di giovani del posto. Con questa formula, su quindici ettari è stato possibile coltivare antiche varietà di cereali, pomodori e canapa.

Il progetto della Notte Verde, coordinato dalla Casa delle AgricUlture Tullia e Gino, è ideato dal Comitato omonimo, che racchiude le esperienze più vive e dinamiche del tessuto associazionistico di Castiglione (Casa delle AgricUlture Tullia e Gino, Famiglie Castiglionesi, Auser, Knidè, Cavalieri del Salento,Vivere la Canapa, Gruppo giovani Castiglionesi, Cooperativa Ulisside).

Partner dell’iniziativa sono il Comune di Andrano, Parco regionale Otranto- S.M. di Leuca- Bosco di Tricase, Assocanapa, Salento Km0, Free Home University, Musagetes Foundation, Lecce Capitale della Cultura 2019.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*