Xylella, Mazzei: “Gli olivicoltori salentini traditi dal centrosinistra”

LECCE- Incontro oggi presso la sede leccese della regione Puglia per affrontare il problema Xylella, per tentare di trovare una strategia che possa evitare il contagio. Il timore è quello della diffusione del problema anche in altre regioni. 

Ed è il consigliere regionale di FI Luigi Mazzei che interviene sul problema: “Si è votato più per l’affossamento dell’olivicoltura salentina e pugliese che per l’assestamento del bilancio regionale! E’ inutile girarci intorno, poiché, la bocciatura dell’emendamento presentato dal sottoscritto e dal gruppo di Forza Italia per raddoppiare le risorse da mettere a disposizione del comparto agricolo, grida vendetta. Avevamo suggerito a Vendola ed alla maggioranza di centrosinistra che la sostiene anche i capitoli di spesa da cui recuperare ulteriori due milioni di euro da mettere a disposizione della battaglia contro la Xylella: non generici dati ma interventi chirurgici nelle maglie dello spreco dei finanziamenti a pioggia per sovvenzionare pseudo eventi culturali da organizzarsi da Bari in su.

Niente di tutto ciò: la maggioranza , compatta ha detto no agli olivicoltori pugliesi. Grave che ad andare contro gli interessi degli olivicoltori salentini siano stati anche i consiglieri regionali PD della nostra provincia, evidentemente, le loro critiche a Vendola erano e sono strumentali, finalizzate ad ottenere un po’ di visibilità. Poi, quando c’è da votare, richiamati all’ordine, vanno anche contro il loro stesso territorio. Inutile negare anche la magra figura dell’assessore Fabrizio Nardoni che aveva ritenuto giusto il nostro emendamento e voleva sostenerlo, ma, evidentemente, hanno prevalso altre logiche.

Vendola – conclude Mazzei – venga nel Salento non solo per il gay pride o per un tuffo in mare ma venga a rendersi conto della catastrofe naturale in atto per gli ulivi del Salento“.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*