Strage di patenti sulle vie della movida gallipolina

QuattroStelle

GALLIPOLI- Controlli, multe, denunce e sequestri. Week-end impegnativo per i carabinieri della Compagnia di Gallipoli alle prese, nelle ultime 24 ore, con un servizio a largo raggio che ha interessato non solo la città jonica ma anche i comuni limitrofi.
Dal contrasto alla guida in stato di ebrezza ai controlli legati allo spaccio di droga, i militari, diretti dal Cap. Michele Maselli, sono intervenuti in diverse occasioni. Per quanto riguarda i controlli su strada, i numeri parlano chiaro: in tutto sono state ritirate 24 patenti. Di tutti gli automobilisti sottoposti all’alcoltest, 18 sono risultati positivi e pertanto denunciati per guida in stato di ebrezza. In un caso, addirittura, un automobilista aveva un tasso alcolemico 5 volte superiore alla media consentita. E non è tutto: altre sei persone sono finite nei guai per non aver esibito la patente perchè mai conseguita, eppure erano alla giuda di altrettante auto. Complessivamente sono state elevate 100 contravvenzioni. Le violazioni riscontrate vanno dalla guida senza cinture di sicurezza all’uso del telefonino.

I carabinieri sono stati impegnati anche su altri versanti. Due persone sono state denunciate a piede libero per detenzione di sostanze stupefacenti. Una 30enne di Cremona è finita nei guai per froda informatica: avrebbe clonato la carta di credito di un anziano di Aradeo. A dare l’allarme è stata la stessa vittima. E a Nardò è stata denunciata una 64enne del posto, sorpresa a rubare generi alimentari da un supermercato. A Sannicola tre giovani rumeni sono stati denunciati per rissa aggravata.

Infine a Copertino un ragazzo originario di Monteroni è stato denunciato per procurato allarme. Avrebbe tempestato di telefonate non le centrali operative di Carabinieri e 118 asserendo di aver visto a terra, in una zona periferica di Copertino, un uomo a terra, coperto di sangue. Nulla di vero. Così come non era ovviamente vero il nome con cui si era presentato agli operatori: Gianni Morandi..

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*