Dopo le “bombe d’acqua”, un piano per rimettere in sesto la città

LECCE- Le bombe d’acqua che hanno sferzato il Salento in questi giorni hanno creato lesioni su strade e marciapiedi, ma hanno anche devastato alberi e verde pubblico. Vista la situazione è stato chiesto alla Lupiae di intensificare i lavori di sfalcio erba e tutte le attività legate alla manutenzione del verde pubblico.Questo consentirà ai lavoratori della Lupiae di lavorare 40 a settimana per un mese anziché le 34 del contratto di solidarietà. Un piano straordinario per rimettere in sesto la città: tutto concentrato in un mese. Sul sito della Lupiae è stato pubblicato un avviso rivolto a tutti i lavoratori Lupiae consegnato ai sindacati dove la presidente chiede a tutti i lavoratori la disponibilità a fare delle ore in più ,sia operativi che amministrativi.

Dal punto di vista economico non è stato ancora quantificato l’ammontare delle somme, ma l’assessorato ai Lavori Pubblici si è impegnato a coprire le spese relative al lavoro straordinario. Le zone di intervento, indicate nella lettera dell’ufficio tecnico

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*