“Risolto il problema del gas radon”, intervento strutturale al Cesare Battisti

LECCE- L’istituto Cesare Battisti di Lecce si avvia alla risoluzione definitiva del “problema gas radon”, un gas radioattivo che accumulandosi all’interno di abitazioni, può diventare, secondo alcuni studi, una delle principali cause di tumore al polmone. Il Comune di Lecce ha impegnato una somma di 20 mila euro per interventi sulle tubazioni di sfiato.

Con la collaborazione di Arpa Puglia è stato messo in atto un monitoraggio sul radon in tutti i locali della scuola elementare: all’Università del Salento è stato chiesto di mettere in piedi un progetto finalizzato a ridurre il rischio di esposizione a questo gas.

Gli studi hanno evidenziato che il radon è presente nell’istituto in modo disomogeneo: con l’intervento deliberato dall’amministrazione comunale di Lecce saranno eliminati tutti i rischi. Per il Cesare Battisti, inoltre, è previsto un ulteriore intervento di 196 mila euro per la manutenzione della struttura.

“La collaborazione proficua con l’università porterà alla soluzione definitiva di un problema che, comunque, non ha mai rischiato di minacciare la salute degli alunni – ha spiegato l’assessore ai lavori Pubblici, Gaetano Messuti, perché con Arpa Puglia e Unisalento abbiamo messo in piedi già da tempo un protocollo di utilizzo dell’aerazione delle aule. Oggi, con un intervento strutturale, risolviamo definitivamente il problema. Poi, grazie al finanziamento Cipe, al Cesare Battisti partiranno i lavori interni di manutenzione per 196 mila euro”.

Ma c’è di più: l’amministrazione leccese ha deciso di segnalare la scuola elementare al governo, aderendo all’invito rivolto dal premier Renzi, che ha messo a disposizione uno sportello telematico per segnalare le scuole meritevoli di interventi urgenti. Messuti spera che dalle promesse il governo passi ai fatti: “Oggi ci auguriamo che dalla fase del mero invito si passi alla fase della concessione del finanziamento”- conclude.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*