Taranto, avanti con forze nuove

TARANTO- Si è tenuta a Carmiano, in provincia di Lecce, il Consiglio di amministrazione del Taranto calcio. Negli uffici del vice presidente Mario Petrelli il socio di maggioranza Mario Nardoni e il rappresentante della Fondazione Taras Armando Casciaro si sono ritrovati per fare il punto sul bilancio della passata stagione e porre le basi per il futuro.
Innanzitutto occorre chiudere i conti della stagione passata: servono circa 250 mila euro per retribuire i calciatori e saldare i conti con i fornitori. Per trovare questi fondi c’è bisogno di un aumento di capitale. Tocca a Nardoni e Petrelli trovare il modo per azzerare i debiti. Si pensa anche al rinnovo della compagine societaria e all’ingresso di nuovi soci con conseguente cambiamento del rapporto di forze.

Lo stesso Mario Petrelli potrebbe non ricoprire più la carica di vice presidente. Si prospetta l’ascesa di alcuni soci di minoranza come Graniglia e Palmisano. Inoltre, Domenico Cerruti ha ufficializzato la richiesta di entrare a far parte della società tarantina. Il patron dell’Agropoli nno sembra più intenzionato, dopo tre anni, a proseguire l’avventura nella società campana e sta pensando di entrare a far parte del club ionico.

Cerruti, imprenditore nel campo delle fonti rinnovabili, potrebbe occupare una posizione di rilievo all’interno della società tarantina che punta al ripescaggio in Lega Pro, la cui domanda sarà formulata nei prossimi giorni, non appena se ne conosceranno esattamente i criteri. Ma anche in questo caso bisognerà garantire una cospicua copertura economica. Per la presentazione della pratica la cifra si aggirerebbe intorno ai 100 mila euro mentre ne occorrerebbero 700 mila per la fidejussione.

In tutto questo bisognerà anche pensare al mercato. A prescindere dalla categoria il Taranto punta a un campionato di vertice. Tutto dipenderà dai nuovi ingressi societari e dal capitale a disposizione.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*