Aereo precipitato, morti padre e figlio: si ricostruiscono gli ultimi istanti

UGENTO- La Procura ha aperto un fascicolo e nominato un perito, un ingegnere aeronautico, per ricostruire gli ultimi istanti del volo dell’aereo ultraleggero Eclipse, precipitato nei pressi del campo volo di Gemini, a Ugento, e dunque gli ultimi istanti di vita di Enzo e Sandro Congedi, padre e figlio, morti nello schianto, seduti uno accanto all’altro.
Eccolo l’Eclipse: questo è il video postato da tutti e due il 21 aprile scorso. Era il volo di collaudo dell’ultraleggero.  Quella per il volo era una passione grande, che accomunava padre e figlio. Enzo era presidente dell’associazione Fa.co.Fly e gestore del campo di volo; Sandro aveva preso l’abilitazione al doppio comando -cioè poteva volare trasportando un passeggero- tre anni fa.

Non è ancora stato stabilito se pilotasse lui. Secondo il racconto di alcuni testimoni, l’aereo non era decollato da molto, ha virato a destra di 270° e poi, chissà perchè, ha perso quota, è andato giù schiantandosi su un albero e prendendo fuoco.

A nulla sono valsi i soccorsi: per i due uomini a bordo non c’è stato niente da fare. I precedenti di incidenti nei cieli salentini: il 13 aprile 2013, quindi quasi esattamente un anno fa, nello stesso punto, precipitò un altro ultraleggero.

In quell’occasione fu un’avaria al motore a far prendere fuoco al velivolo. Il pilota che era a bordo, un 60enne originario di Brindisi, se la cavò con qualche ustione. Ferito anche il soccorritore, lambito dalle fiamme mentre aiutava l’uomo ad uscire dalle lamiere.

A maggio 2012, a Torricella, il copione fu lo stesso di quello dell’incidente di Gemini: padre e figlio morirono precipitando, dopo aver fatto un giro nei cieli tarantini.  Ad aprile 2010 il farmacista di Ostuni Francesco Santoro morì precipitando al Fondone.

UGento

ugento4

ufgento2

foto incidente ugento

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*