Assalto all’Ufficio Postale di Patù, rapinatore incastrato dal Dna

PATU’- Tratto in arresto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere PARROTTO DONATO di Casarano, personaggio noto all’Arma e già agli arresti domiciliari.  L’uomo è accusato di rapina aggravata in concorso, detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo e ricettazione di veicolo oggetto di furto.

I fatti risalgono al novembre 2011 quando tre rapinatori armati di pistole entrarono nell’ufficio postale di Patù e sotto la minaccia delle armi portarono via un bottino pari a circa 15000 euro e vari monili di proprietà di dipendenti e clienti.

Immediate scattarono le immagini che hanno portato dapprima i carabinieri a trovare nelle campagne vicine una Fiat Punto rubata ad Alliste la sera prima della rapina con all’interno vari indumenti utilizzati dai rapinatori e abbandonati durante la fuga.

Elementi utili questi per rintracciare i responsabili. Infatti si è giunti all’identificazione del PARROTTO grazie proprio ad una paziente ed accurata raccolta di elementi che hanno consentito di individuare l’esatta pista investigativa, che ha poi beneficiato sia dei riscontri oggettivi ottenuti grazie alle perquisizioni ed ai sequestri, sia del conforto degli esiti peritali delle tracce biologiche estratte sui capi sequestrati e risultati appartenere proprio al PARROTTO.

 

RAPina

rapina3

rapina2

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*