Estimi, gli ingegneri: “Cittadini di serie A e di serie B”

LECCE-Sulla sentenza relativa agli estimi catastali è intervenuto l’ordine degli ingegneri. “Oltre il danno di una procedura non conforme alla legge, ora anche la beffa della disparità di trattamento per i cittadini leccesi- dichiara il presidente De Fabrizio- La recente sentenza del Consiglio di Stato, di fatto, ribalta la decisione assunta dai giudici del Tar Lecce e avalla l’intera operazione di riclassamento delle rendite catastali. Ma pone anche le basi di un’oggettiva discriminazione fiscale. Se la situazione dovesse rimanere tale e quale, infatti, verranno garantiti solo coloro che hanno presentato ricorso in Commissione tributaria. Quindi circa 6mila contribuenti leccesi. Gli altri cittadini dovranno fare i conti con gli aumenti della rendita catastale”. La Sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso in Appello presentato dall’Agenzia delle Entrate contro la Sentenza del Tar che aveva cancellato la riclassificazione catastale eseguita dal Comune.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*