Trepuzzi, omicidio rom: domani l’interrogatorio di Perrone

Domani mattina il medico legale Alberto Tortorella riceverà dal pm l'incarico per effettuare l'autopsia sul corpo di Fatim Makovic. Per il suo assassinio è già in carcere Fabio Perrone, che domani sarà interrogato per la convalida dell’arresto.

trepuzzi bar

TREPUZZI- Il medico legale Alberto Tortorella riceverà nelle prossime ore dal pm l’incarico per effettuare l’autopsia sul corpo di Fatim Makovic, il 45enne rom ucciso venerdì notte nel bar di via Kennedy a Trepuzzi. Per il suo assassinio è già in carcere Fabio Perrone, detto Triglietta, 42 anni di trepuzzi. L’accusa è di omicidio volontario aggravato dalle modalità mafiose. Domattina sarà interrogato per la convalida dell’arresto.

I carabinieri del nucleo investigativo di Lecce lo hanno arrestato a poche ore dalla terribile esecuzione nel bar di Trepuzzi. Si era rifugiato in una villetta di Casalabate.

Il tutto sembrerebbe aver avuto origine da una lite avvenuta poco prima nel bar, ma alcuni particolari non sono sfuggiti agli inquirenti, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Lecce che stanno conducendo le indagini e che vedono nel movente rancori più profondi: il fatto che alcuni testimoni avessero da subito fatto il nome di triglia ai carabinieri arrivati sul posto poco dopo l’omicidio, o la frase pronunciata più volte da Perrone alla vittima: “guardami negli occhi”, fanno pensare a rapporti precedenti tra i due, e forse non proprio leciti.

Migliorano intanto le condizioni del figlio di Makovic, il 17enne che in un inutile tentativo di difendere il padre per poco non moriva insieme a lui. Ora è ricoverato al Fazzi nel reparto di rianimazione, ma non è in pericolo di vita. L’autopsia servirà a chiarire esattamente quanti proiettili hanno raggiunto la vittima e la traiettoria.