Lecce, la sosta permette di recuperare gli indisponibili

Prosegue la settimana di lavoro atipico per la squadra di Lerda che domenica non giocherà ma sarà spettatore in poltrona della giornata di campionato confidando nei passi falsi delle dirette concorrenti per la promozione.

lerda

LECCE- Prosegue la settimana di allenamento per i giallorossi che nonostante domenica prossima saranno spettatori in poltrona della giornata di campionato non intendono concedersi distrazioni di sorta. Mister Lerda sta rispettando la tabella di marcia del lavoro, atipico, programmato in virtu’ del turno di riposo.

Riposo non previsto nel calendario regolamentare ma domenica senza calcio per il Lecce perchè avrebbe dovuto affrontare la Nocerina nel frattempo estromessa dal campionato per i fatti relativi alla gara farsa contro la Salernitana. Il Lecce guarderà con attenzione gli sviluppi della giornata e soprattutto guarderà con molta attenzione a quelli che saranno i risvolti dei match delle dirette concorrenti Frosinone e Perugia.

I ciociari ospiteranno la Salernitana, gara dai contorni tutt’altro che scontati. Il Perugia farà visita all’Ascoli, in questo caso le ambizioni e il valore tecnico delle due formazioni disegnano un esito quasi scontato sulla carta. Naturalmente il Lecce spera in un passo falso che la statistica sembra escludere almeno guardando alla partita degli umbri.

Per il Frosinone non sarà così semplice. I campani non possono permettersi di fallire un posto nella griglia dei play off. Tornando al Lecce. Mister Lerda conta di recuperare quei giocatori che nelle ultime settimane hanno accusato infortuni di diversa natura, la sosta consente di non forzare i recuperi dando la possibilità di spalmare il lavoro differenziato. Sales, Bogliacino, Ferreira Pinto dovrebbero rientrare senza problemi alla ripresa del campionato mentre per Abruzzese e probabilmente anche per Bellazzini bisognerà attendere la gara con il Grosseto.

Tempo utile anche per il tecnico per testare eventuali alternative tattiche in vista di un eventuale ricorso al torneo supplementare play off per giocarsi la promozione in serie B. Il tecnico già nelle ultime settimane ha provato qualche variazione tattica che però non sembra essere stata metabolizzata dai giocatori, almeno a vedere le dinamiche di gioco meno fluide rispetto al modulo che sembra essere oramai parte integrante del dna giallorosso il 4-2-3-1.

Ad ogni modo la squadra ha sempre risposto alle direttive di Lerda con impegno e dedizione al sacrificio, evidenziando compattezza e voglia di non lasciare nulla di intentato fino alla fine. Atteggiamento giusto in quetso momento delicato di stagione in cui seguendo la filosofia del tecnico di Fossano è fondamentale guardare non oltre all’impegno successivo. Stavolta, almeno per questa settimana il Lecce potrà limitarsi con il benestare di Lerda a guardare gli impegni degli altri.