Operazione Aequanius, la BPP: “Avviate le verifiche, direttore sospeso”

Interviene la direzione della banca popolare pugliese con il presidente Carmelo Caforio. “Abbiamo avviato approfondite verifiche interne alla filiale di Guagnano, appena appresa la notizia”.

bpp guagnano

GUAGNANO- “Con riferimento all’Operazione Aequanius che ha coinvolto un dipendente della Banca Popolare Pugliese, desideriamo rendere noto di aver immediatamente avviato approfondite verifiche interne alla filiale di Guagnano, non appena appresa la notizia questa mattina“. Così il  Presidente della BPP di Guagnano, il Dott. Carmelo Caforio.

“Nell’affermare la piena fiducia nell’operato della Magistratura, e fatto salvo l’auspicio umano e professionale che il nostro dipendente possa essere in grado di dimostrare rapidamente e pienamente la propria estraneità ai reati contestati, ci preme sottolineare che, da quanto sta finora emergendo, la Banca è parte lesa in questa incresciosa vicenda.

Tutte le procedure e le disposizioni interne della Banca Popolare Pugliese sono assistite da filtri antiusura che nessun operatore può violare e che impediscono tecnicamente la possibilità di praticare interessi al di sopra del tasso soglia. Tutti i dipendenti della Banca sono inoltre vincolati al rispetto del Codice Etico e destinatari di ampia e specifica attività di formazione, specialmente su materie quali usura e antiriciclaggio.

Anche al fine di favorire il rapido accertamento della verità, il dipendente della Banca Popolare Pugliese è stato in via cautelativa sospeso dal servizio“.

BANCA POPOLARE PUGLIESE
Il Presidente
Dott. Carmelo Caforio