“Solo beghe familiari”, respingono le accuse la madre e la sorella di Cavalera

LECCE- Hanno respinto le accuse la madre e le sorelle di Cosimo Cavalera, condannato nel luglio scorso ad 11 anni e otto mesi di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso. Si è svolto in mattinata, davanti al giudice Carlo Cazzella, l’interrogatorio delle tre donne, accusate di stalking e lesioni nei confronti della ex convivente di Cavalera e raggiunte, nei giorni scorsi, da un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla presunta parte offesa.
Si tratta di Antonella e Carmelina Cavalera, e la madre Anna Buccarella. Con il loro avvocato, Daniele Galoppa, hanno chiesto la revoca della misura. Il gip si pronuncerà nei prossimi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*