Debiti P.A., Macculi: “I dati di Confartigianato non sono veritieri”

Macculi: "L’Amministrazione Provinciale ha profuso il massimo dello sforzo nel rispetto dei limiti imposti al patto di stabilità e delle esigenze delle imprese fornitrici"

Silvano Macculi

LECCE- Debiti delle pubbliche amministrazioni: secondo l’Assessore alle Risorse Finanziarie della Provincia di Lecce silvano Macculi i dati diffusi qualche giorno fa da Confartigianato non corrisponderebbero al vero:  “Pur con tutte le note difficoltà in cui si è imbattuta la Provincia di Lecce negli ultimi anni -scrive- l’Amministrazione Provinciale ha profuso il massimo dello sforzo nel rispetto dei limiti imposti al patto di stabilità e delle esigenze delle imprese fornitrici.
Il problema dei ritardi è da riferirsi ai fornitori di parte capitale. Nel 2012 e 2013 si è giunti a rateizzare i pagamenti, triplicando il lavoro amministrativo, ma garantendo un minimo di risorse ad una più estesa platea di beneficiari. Più tranche di pagamento, anche piccole = risorse erogate appena disponibili.

Alla data di oggi  -dice Macculi- non vi sono fatture  non pagate non solo per il 2012, ma anche per tutto il 2013, se si eccettuano alcune liquidate nell’ultima settimana. Siamo certi vi siano pochi enti locali in Italia che possano vantare questa tempistica nei pagamenti. Tuttavia tale celerità potrebbe rivelarsi ancora una volta penalizzante per la Provincia di Lecce se il Ministero o la Regione decidesse ancora una volta di concedere spazi solo agli enti più morosi“.