Polemiche sanità, Gentile: “A Lecce ci sono già più operatori che altrove”

E dopo le polemiche sulle assunzioni, interviene l’assessore regionale al Welfare, Elena Gentile: “Siamo alle solite – accusa - ecco la cultura delle piccole patrie, dei fuochi d'artificio delle sagre di paese ed una campagna elettorale che nasce prematuramente. Il tutto offre spunti polemici senza senso.

elena-gentile

LECCE- Le scelte proposte sono il risultato di una attentissima valutazione scevra da qualsiasi lettura parziale e campanilistica, incardinata su criteri e parametri assolutamente oggettivi finalizzata anche a colmare le insopportabili sperequazioni territoriali di cui sono stati vittime province come quella ionica.

La Asl salentina è in cima a tutte le Asl pugliesi per numero di operatori rapportati alla popolazione sia per i soli operatori della rete pubblica sia per il totale degli operatori se ricomprendiamo i numeri dell’Ente ecclesiastico “Panico” di Tricase. Ancora, Lecce batte tutte le Asl per costo del personale. E’ evidente che l’intero piano va sottoposto ad una più attenta riflessione per calibrare meglio su ciascun territorio le scelte compiute per aggiornarle alla domanda di servizi legittimamente posta, per eliminare ridondanze in alcuni casi presenti”.

A margine di questa bufera, la buona notizia per le donne: l’epidurale sarà gratuita per tutte le partorienti. La commissione nazionale Lea – Livelli essenziali di assistenza – ha finalmente consentito alla Puglia di entrare nell’elenco delle regioni italiane che garantiscono l’esigibilità del diritto di “non soffrire” durante il travaglio. Fino ad oggi la “partoanalgesia” veniva assicurata solo in pochi ospedali con i costi a carico delle donne.