Tentano di vendere anelli in oro contraffatti: tre denunce

Tentavano, con artifizi e raggiri, di vendere alcuni anelli in oro in cambio di denaro o altri beni mobili. Denunciati tre rumeni.

SONY DSC

MAGLIE- Ieri i militari hanno denunciato 3 cittadini di nazionalità rumena per tentata truffa ed introduzione e commercio di prodotti con segni falsi. I tre, il pomeriggio di martedì 18 febbraio, a bordo di una Audi station wagon di colore nero, hanno simulato un guasto all’autovettura fermandosi a margine della carreggiata, e dopo aver atteso l’aiuto degli ignari utenti della strada, tentavano, con artifizi e raggiri, di vendere alcuni anelli in oro in cambio di denaro o altri beni mobili.

Sfortunatamente per loro, un 42enne di Maglie, dopo essersi accorto che c’era qualcosa di strano in quei monili, ha deciso di chiamare i Carabinieri che in pochi minuti sono giunti sul posto, hanno identificato i tre e, dopo essersi accorti che gli anelli in questione erano tutt’altro che d’oro, hanno proceduto al sequestro dei monili. In effetti, da un successivo approfondito accertamento, è emerso che i 14 anelli in questione sono effettivamente costituiti da metallo comune dorato, privi di alcun valore economico, riportanti falsamente il marchio 750-18.

Pertanto, D.M.A. 38enne, G.A. 38enne, e D.C. 45enne, tutti con precedenti per reati contro il patrimonio, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Lecce. Dovranno rispondere di tentata truffa in concorso ed introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi.