Ucciso da una botta in testa, ora è indagata la madre dell’imputato

E' indagata Assunta Orlando, 48enne madre del primo imputato per l'omicidio di Giorgio Romano, il 66enne di Matino ucciso da una botta in testa

Tribunale

MATINO- Da accusatrice, ad accusata, ad indagata Assunta Orlando, 48enne madre del primo imputato per l’omicidio di Giorgio Romano, il 66enne di Matino ucciso da una botta in testa. Il giovane Gianluca Caputo era finito a processo per omicidio preterintenzionale, con l’accusa di aver causato, nel 2009,  la morte di Romano con un pugno, dopo una lite per le strade di Matino.

Ma Caputo fu assolto e additò la propria madre come autrice dell’omicidio: la donna avrebbe colpito Romano alla testa con una scarpa e l’uomo, dopo un mese in ospedale, spirò. Ora è la donna ad essere indagata per omicidio preterintenzionale.