“Quella cava divora le Grotte Preistoriche”, è protesta

Denuncia choc quella che arriva da Poggiardo: “Quella cava sta divorando i resti di un villaggio e grotte preistoriche”. Stamattina protesta sulle serre: “Fermate lo scempio”

GIUSeppe-Colafati

Poggiardo (Le) – A Poggiardo c’è una  cava che starebbe fagocitando i resti che ha lasciato la preistoria sulle serre di Poggiardo. Un video amatoriale  rende l’idea della distanza, brevissima, tra il sito dello scavo e quello su cui da millenni sorgono le grotte. Nove in tutto, quattro delle quali già censite: grotta Micello, grotta della Tana, di San Silvestro e di Poggiardo. I loro reperti sono già da tempo nel museo di Paleontologia di Maglie. Sul posto, invece, sono rimaste le cavità, antri spettacolari già indagati, in passato, dal gruppo speleologico Ndronico. Ora, l’allarme. Quello lanciato dal neonato Comitato tutela del patrimonio archeologico paesaggistico e storico, che in mattinata ha effettuato un sopralluogo in zona e ha rafforzato gli interrogativi: “ Perché la cava non è stata fermata? Perché non si è impedito che gli scavi si estendessero verso il villaggio?”

Sono le domande a cui cercherà di dare risposta anche il sindaco di Poggiardo, Giuseppe Colafati, che nelle prossime ore ha convocato un vertice d’urgenza con l’ufficio tecnico, per capire quando e come sono state rilasciate le autorizzazioni, cosa si rischia e, soprattutto, se possono essere adottate misure di cautela. Non è nuova quella cava, che esiste da diversi decenni. È nuova, però, la preoccupazione di vedere la storia ripetersi: a Parabita, ad esempio, in un parco archeologico straordinario ma che continua a rimanere zoppo, c’è un’intera sezione di rocce fagocitate dai picconi prima e dalle pale meccaniche poi.

Se il copione rischia di essere lo stesso, sarà fermato e riscritto. Questa è l’intenzione anche del Comune. D’altronde, la zona, La Campana d’oro, è quella che sovrasta il parco archeologico dei Guerrieri, a Vaste, a due passi dalla pineta Marirossi, su cui sta per nascere un parco pubblico.