Ceneri tombate tra gli ulivi, l’Enel: “Noi non c’entriamo”

Dopo la scoperta delle ceneri di Cerano tombate sotto gli ulivi di Manduria e il sequestro del Noe, interviene Enel: “Enel utilizza per le proprie attività esclusivamente imprese qualificate e in possesso delle necessarie autorizzazioni"

ulivi sequestro noe

BRINDISI- Dopo la scoperta delle ceneri di Cerano tombate sotto gli ulivi di Manduria e il sequestro di ieri ad opera dei carabinieri del Noe, interviene Enel: “Enel utilizza per le proprie attività esclusivamente imprese qualificate e in possesso delle necessarie autorizzazioni previste dalla legge e valuterà, alla luce delle indagini, tutte le azioni da intraprendere a tutela della propria immagine nonché dei propri interessi in caso di violazione della normativa”. Poche parole,  per sgomberare il campo da equivoci e rimarca la propria estraneità ai fatti.