Xylella fastidiosa: terminata la visita ispettori UE in Salento

Terminata la visita degli Ispettori inviati dalla Commissione Europea per esaminare da vicino l’andamento dell’emergenza Xylella Fastidiosa. "Un lavoro puntuale – afferma l’Assessore Nardoni – che dimostra quanto sia seguito da vicino e con estrema cura l’emergenza che interessa una parte fondamentale della nostra agricoltura"

ulivi

LECCE- Terminata oggi la visita degli Ispettori inviati dalla Commissione Europea per esaminare da vicino l’andamento dell’emergenza Xylella Fastidiosa in Salento. La visita è stata effettuata in modo puntuale nelle zone interessate dalla contaminazione da batterio, con l’obiettivo di verificare lo stato dell’arte, le misure messe in atto e le modalità con cui vengono effettuati i monitoraggi e le analisi di laboratorio. I commissari hanno incontrato in questi giorni i responsabili nazionali e regionali per comprendere gli atti normativi adottati, gli ispettori e gli agenti fitosanitari impegnati nell’attività di controllo e di monitoraggio in campo, i ricercatori per acquisire le informazioni scientifiche e verificare la professionalità scientifica dei tecnici impegnati nelle analisi, i responsabili di laboratorio per conoscere le procedure adottate nelle analisi e i vivaisti viticoli, ornamentali, orticoli e garden per capire come si è proceduto ad organizzare una rete di garanzia sulla movimentazione delle piante e nel sistema di controllo analisi.

Un lavoro capillare e puntuale – afferma l’Assessore Nardoni – che dimostra quanto sia seguito da vicino e con estrema cura l’emergenza che interessa una parte fondamentale della nostra agricoltura e che difenderemo con tutte le nostre forze. Una prova che dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, che il problema è assunto dalla Regione come tema delicato e da monitorare costantemente evitando che si compiano errori o strumentalizzazioni che rischiano di pesare, una volta di più, proprio sulle spalle di chi in questi mesi sta subendo gli effetti del contagio.

Moltissime le domande a cui hanno risposto gli esperti in campo e moltissimi gli appunti presi dagli ispettori che comunque hanno verificato con mano l’ottima sinergia tra le istituzioni regionali, quelle scientifiche e le organizzazioni locali che stanno operando sul territorio.

Gli ispettori, inoltre, hanno confermato la validità delle analisi che vengono effettuate dai laboratori e le procedure adottate dagli stessi per ricercare la Xylella, oltre la professionalità dimostrata dalle persone impegnate nei laboratori. Apprezzato anche il lavoro di informazione continua svolto dalla Regione nei confronti degli agricoltori coinvolti e l’attività di formazione dei tecnici impegnati nel monitoraggio. I Commissari inoltre considerata la gravita della situazione hanno chiesto di poter accelerare l’applicazione di misure che possano ulteriormente garantire la non diffusione dei batterio in altri luoghi risultati indenni e hanno chiesto l’intensificazione dei controlli nei punti critici al fine di garantire la movimentazione di prodotto solo non contagiato. Si procederà più speditamente anche sul monitoraggio complessivo per determinare le misure da applicare sia nelle aree infette che in quelle tampone. Entro un mese sarà prodotto un report ufficiale della visita che sarà comunicato allo Stato Italiano e alla Commissione Europea.

Nel frattempo l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia ha indetto per lunedì 17 febbraio una conferenza stampa per esporre nel dettaglio il lavoro svolto dalla Commissione e garantire così il massimo dell’informazione sulla visita ispettiva.