In Procura un dipendente della Scarlino che fornì l’impastatrice

Sentito in procura un dipendente della Inotec, l'azienda che ha fornito l'impianto in cui l'estate scorsa ha perso la vita il lavoratore: svelate tutte le presunte manipolazioni subite dalla impastatrice killer

taurisano

TAURISANO- Bocche cucite sull’ascolto andato avanti per un’ora e mezza stamattina in procura. Il pm Carmen Ruggiero, titolare insieme con la collega Paola Guglielmi del fascicolo d’inchiesta sulla morte dell’operaio Mario Orlando al salumificio Scarlino, ha sentito un dipendente della Inotec, l’azienda che ha fornito l’impianto in cui l’estate scorsa ha perso la vita il lavoratore. L’ascolto, in presenza del consulente tecnico Cosimo Prontera, che ha svelato tutte le presunte manipolazioni subite dalla impastatrice killer, si sarebbe concentrato sulle circostanze dell’acquisto e dell’installazione del macchinario.