Maxi evasione da 2 milioni di euro: azienda nei guai

Mancata dichiarazione dei redditi per ben 7 anni, emissioni di fatture false, agevolazioni non dovute sulle accise. Un'evasione da oltre due milioni di euro che è stata scoperta dalla guardia di finanza in un'azienda di Taviano che si occupa di scavi e movimento terra. 4 persone nei guai.

finanza gallipoli

TAVIANO- Ricavi non dichiarati per oltre 2 milioni di euro ed iva evasa per circa 300 mila euro. Il tutto grazie alla mancata dichiarazione dei redditi da parte di un ‘azienda di Taviano per ben 7 anni: dal 2006 al 2012.

Sono stati i Finanzieri della Compagnia di Gallipoli ad operare la verifica fiscale nei confronti di una ditta individuale impegnata in attività di scavi, demolizioni e movimento terra, ma che si occupa anche di seminativi e coltivazioni e che per questo ha usufruito delle agevolazioni sulle accise che le hanno permesso di evadere circa 70 mila euro. nel periodo dal 2006 al 2009 inoltre l’azienda ha emesso fatture per operazioni inesistenti, per milioni di euro circa. Insomma, un meccanismo ben collaudato che le fiamme gialle hanno scoperto però acquisendo e analizzando tutta la copiosa documentazione, anche extracontabile, sequestrata in azienda.

La complessiva quantificazione delle violazioni contestate è stata possibile mediante una serie di controlli incrociati nei confronti dei clienti e dei fornitori dell’azienda.

Per questo, al termine dell’attività di verifica, quattro persone sono state denunciate per omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali obbligatorie, occultamento delle scritture contabili, emissione ed utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti nonché falsa autocertificazione e sottrazione all’accertamento di prodotto petrolifero.