Abuso d’ufficio, condanna per Amati e Di Bari

QuattroStelle

FASANO- Piano di recupero del centro storico di Fasano e Savelletri, arrivano le condanne i primo grado per gli imputati Lello di Bari, sindaco della Città della Selva, e Fabiano Amati, consigliere regionale e all’epoca dei fatti contestati consigliere comunale d’opposizione.

L’ex assessore regionale, oggi consigliere, Fabiano Amati è stato condannato a un anno e otto mesi di reclusione (pena sospesa) per abuso d’ufficio e altre presunte irregolarità commesse nella redazione del piano di recupero, redatto al fine di favorire alcuni suoi parenti.

 Di Bari è stato condannato a otto mesi di reclusione.  Assolto, invece, l’architetto Davide Maria Dioguardi. La condanna, arrivata con rito abbreviato, è stata emessa dal  gup Maurizo Saso che ha parzialmente accolto le accuse formulate dal pubblico ministero Valeria Farina Valaori.

 
Abitare Pesolino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*