Ex Lsu, in protesta nell’attesa dell’incontro romano del 18

"Non si può concedere la cassa integrazione in deroga ma solo quella ministeriale": i lavoratori ex Lsu sono tornati a manifestare. Il 18 è prevista la conferenza Stato-Regioni e in quella sede si riproporrà il problema.

protesta-lsu

BARI- Sono tornati a manifestare, questa mattina a Bari, i lavoratori ex Lsu, per chiedere – ancora una volta – una risoluzione al problema che li tiene in ansia da mesi. Dopo l’accordo firmato con l’azienda appaltatrice del servizio, Dussman, nulla si è mosso. E’ solo da Roma, però, che può arrivare la soluzione per dare un futuro più stabile ai lavoratori impegnati nella pulizia delle scuole e che, solo nella provincia di Lecce, ne sono 828.
La Dussman ha chiesto alla Regione di contribuire alla stabilità occupazionale dei lavoratori ma, ha sottolineato ancora una volta l’assessore al lavoro Leo Caroli ai sindacati questa mattina, alle aziende come la Dussman che hanno appalti in più regioni, non si può concedere la cassa integrazione in deroga ma solo quella ministeriale.

Il 18 è prevista la conferenza Stato-Regioni e in quella sede si riproporrà il problema. L’appello di Vito Perrone Cisal e Dario Cagnazzo, Fis, è sempre uno: “I Soldi ci sono. Usateli per sbloccate il futuro dei lavoratori”