Rapina a mano armata in tabaccheria, arrestato 25enne. Caccia al complice

In due tentano rapina nella Rivendita di Tabacchi sita a Talsano in via Sciabelle , ma il colpo sfuma: arrestato Desantis Francesco, 25enne, noto rapinatore. Caccia al complice.

SAMSUNG

TALSANO- Armati di pistola e travisati da passamontagna, due individui, uno dei quali ancora attivamente ricercato dai Carabinieri, hanno tentato di mettere a segno una rapina nella Rivendita di Tabacchi sita a Talsano in via Sciabelle 2. I militari della Stazione Carabinieri di Talsano hanno arrestato Desantis Francesco, 25enne, originario di via Gregorio VII, noto rapinatore, e sono sulle tracce del complice.

I fatti: alle 12:30 un cittadino segnala agli uomini della Stazione, impegnati in servizio di pattuglia, una rapina in atto nella Rivendita di Tabacchi sita a pochi metri. Due malfattori, armati di pistola, si sono appena introdotti all’interno dell’esercizio commerciale. È l’ora di punta.

Ci sono almeno dieci persone in fila per le sigarette. Puntata la pistola contro la giovane sorella del titolare, si fanno consegnare l’intero incasso: circa duemila euro. Poi tentano la fuga a bordo di una vecchia Lancia Y10 rubata la scorsa notte.

Allertata la Centrale Operativa del Comando Provinciale di Taranto, che ha inviato immediatamente le “gazzelle” di servizio, i militari, con una manovra repentina, che consente loro di non essere avvistati, raggiungono l’ingresso della Rivendita finita nel mirino. Proprio da quella porta stanno uscendo i rapinatori segnalati dal cittadino. Uno dei due, armato di pistola, alla vista dei Carabinieri, per guadagnarsi la fuga, punta l’arma contro di loro. I militari, forti dell’esperienza maturata, a salvaguardia dei numerosi avventori presenti sul posto, evitano la sparatoria. L’uomo, abbandonata la refurtiva, riesce a darsi alla fuga. L’altro, invece, viene subito bloccato ed ammanettato.

Dopo le formalità di rito, De Santis Francesco che era peraltro sottoposto agli arresti domiciliari è stato portato presso la Casa Circondariale di Taranto, a disposizione del sostituto procuratore di turno, dott. Lanfranco Marazia.