Pd, il chiarimento tra Foresio ed Emiliano

Si scioglie il gelo tra Paolo Foresio, Edoardo Santoro e Michele Emiliano: sabato scorso un chiarimento, ma i renziani leccesi chiedono maggiore autonomia del territorio. Intanto spunta la lettera denuncia del vecchio tesoriere Pd.

Paolo Foresio

LECCE- Comincia il disgelo tra Foresio, Santoro ed Emiliano. Sabato scorso c’è stato un chiarimento tra il capogruppo Pd di Palazzo Carafa e il segretario Regionale. Gli atteggiamenti di Foresio avevano indispettito il sindaco di Bari, peché i renziani leccesi avevano ostacolato la sua candidatura unitaria alla segretaria Pd, ma anche la candidatura di Paola Povero alla presidenza provinciale.

Foresio e Santoro hanno chiesto maggiore rispetto dell’autonomia territoriale. Tra i renziani dovrebbe tornare il sereno. Intanto, l’ex tesoriere provinciale del Pd, Marco Bramato, invia una lettera ai militanti per ricordare che dopo aver trovato un partito con 700 mila euro di debito e dopo ridotto il debito a soli 89 mila euro è stato sostituito con Gory Napoli.

“I numeri parlano da soli” – commenta l’ex tesoriere, che adesso vorrebbe che gli fossero riconosciuti i meriti e i risultati raggiunti.