Lecce, abito nuovo per la sfida di Barletta?

Potrebbe avere una nuove veste tattica il Lecce che affronterà il Barletta domenica pomeriggio. Mister Lerda potrebbe variare qualcosa in campo studiando valide alternative in chiave play off.

mister lerda

LECCE-A pochi giorni ormai dal match con il Barletta, l’attenzione dell’ambiente sembra essere orientata soltanto a quelle che potrebbero essere le novità nel credo tattico di mister Lerda. La sconfitta con il Perugia maturata domenica scorsa al Via del Mare ha permesso ai giallorossi di liberare il campo visivo da ogni tipo di distrazione avendo ben chiaro ora il vero e utile obiettivo perseguibile. Il miglior piazzamento in zona play off. Già perchè se la matematica non ha emesso verdetti di sorta, il buon senso induce la società ad essere realista sulle possibilità di centrare la promozione diretta che sono ridotte al lumicino.

Ma poco importa, tutto sommato il miracolo la squadra giallorossa sembra averlo già compiuto con una rimonta che oggi permette di porsi nelle condizioni di essere la terza forza del campionato. Dunque c’è ancora un girone di ritorno da affrontare, altre gare in cui tutto potrebbe accadere, ma soprattutto c’è da valutare anche come bisogna arrivare a disputare eventualmente il mini torneo supplementare dei play off.

Condizioni mentali, fisiche e tattiche saranno fondamentali in quel contesto. Ecco quindi che senza la pressione di dover raggiungere necessariamente il primo posto ma puntando sempre e comunque a vincere ogni partita, mister Lerda potrebbe avere l’opportunità di variare il suo modulo di base il suo collaudato 4-2-3-1 adattandosi a qualche altro schema di partenza che sarebbe anche utile e funzionale a provare altri giocatori e altre situazioni di gioco. Essere prevedibili non è prerogativa di chi vuole sorprendere. Nessun stravolgimento per carità, ma piccole varianti per provare nuove soluzioni tattiche in proiezione dei play off. Intanto però c’è da fare i conti con il derby di Barletta.

Il “Puttilli” si preannuncia caldo per l’occasione, la squadra biancorossa ha dimostrato di essere migliorata rispetto alla gara di andata in cui peraltro il Lecce ottenne il suo primo punto della stagione dopo il calvario delle prime cinque giornate. Oggi è tutt’altra storia, il Lecce vuole riscattare la sconfitta con il Perugia, ma più per una scossa a livello emotivo che per pressioni piovute dall’esterno che di fatto non ci sono state. Allenamenti blindati e lontani da occhi indiscreti negli ultimi giorni per mister Lerda che probabilmente sta valutando qualche soluzione diversa rispetto a domenica scorsa. Barraco potrebbe trovare la maglia da titolare, la sua performance nel corso del secondo tempo con gli umbri ha convinto ampiamente e anzi il giocatore ha dimostrato di essere pronto e utile.

In difesa Diniz, recuperato, dovrebbe sostituire D’Ambrosio squalificato. A centrocampo complice l’assenza forzata di Papini, Salvi e De Rose sono in ballottaggio, ma è da vedere se la mediana si schiererà con 5 o 4 elementi. In questo ultimo caso in avanti il tecnico potrebbe schierare le due punte tanto reclamate dalla piazza.

Bogliacino potrebbe alimentare la sua fantasia in maniera differente, nel ruolo di trequartista. Tutte ipotesi su cui la squadra e soprattutto il tecnico sta lavorando senza la necessità che tutto questo, un eventuale cambio di modulo, sia un passaggio obbligatorio, ma semmai da considerarsi un’alternativa funzionale e utile in chiave futura.