“Lo spot di Sanremo offende i disabili”, lo Sportello dei Diritti ne chiede la rimozione

"La pubblicità Sanremo 2014 Fazio e Littizzetto è offensiva ed offende i portatori di protesi". Lo "Sportello dei Diritti" chiede l'intervento dell'AGCOM per la rimozione immediata.

faziolitti-575x442

LECCE- Lo spot di Sanremo non è passato inosservato, anzi lo “Sportello dei Diritti” di Lecce  chiede l’intervento dell’AGCOM per la rimozione immediata. Molti telespettatori e specialmente molti portatori di handicap hanno infatti segnalato che all’interno dello spot, la gag interpretata da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto  “è decisamente di cattivo gusto”.

Sulle note di “Se mi lasci non vale” per presentare l’imminente edizione 2014 del 64 ° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, la nota comica esce dal video lasciando la protesi di un braccio tra le mani di Fazio.

“Ancora una volta, siamo costretti a denunciare il cattivo gusto cui ci abitua quello che dovrebbe essere il servizio pubblico, che è tanto più squalificante se si pensa che riguarda una tra gli appuntamenti televisivi più attesi ogni anno”, si legge nella nota.

“Per tali ragioni, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, unendosi al coro dei tanti cittadini inorriditi dallo spot in questione, si rivolge in primis ai vertici Rai e agli autori del censurabile “spettacolo” per l’immediata rimozione dello stesso. In caso contrario, chiede un intervento dell’AGCOM per ordinarne la cancellazione dagli schermi e dai palinsesti pubblicitari”.