Inchiesta alluvione, sopralluogo del tecnico della Procura

Sopralluogo nelle aree di Ginosa interessate all’alluvione dello scorso ottobre quando morirono quattro persone. Le attività intese a ricostruire la dinamica degli eventi e le esatte circostanze in cui si sono prodotti i decessi proseguiranno nei prossimi giorni.

nubifragio-ginosa-3

GINOSA- Ieri mattina il professor Luigi D’Alpaos, dell’Università di Padova, nominato consulente della Procura della Repubblica del Tribunale di Taranto, ha effettuato un sopralluogo nelle aree di Ginosa interessate all’alluvione dello scorso ottobre quando morirono quattro persone tra le quali i giovani coniugi altamurani Giuseppe Bari e Chiara Moramarco.
L’ingegnere idraulico, in particolare, accompagnato da personale del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e del Reparto Operativo dei Carabinieri, che stanno conducendo l’indagine sotto la direzione del sostituto procuratore, e da militari dell’Arma di Ginosa e Castellaneta, si è portato nei luoghi dove sono vennero trovati i corpi delle quattro vittime del tragico evento alluvionale del 7 ottobre, prendendo conoscenza dello stato dei luoghi anche dalle informative dei Carabinieri e dai rilievi tecnici e filmati eseguiti già nelle ore successive al fatto da un elicottero del 6° Elinucleo Carabinieri di Bari Palese.

Le attività intese a ricostruire la dinamica degli eventi e le esatte circostanze in cui si sono prodotti i decessi proseguiranno nei prossimi giorni.