Conflitto a fuoco dopo rapina: ferito un bandito

Conflitto a fuoco tra guardie e ladri sulla Copertino-S. Donato. Inseguimento nato dopo una rapina ad un'agenzia di assicurazioni di Lequile. Crivellata di colpi l'auto dei carabinieri. Uno dei banditi ferito e arrestato.

sparatoria2 copy

LEQUILE-  Prima la rapina, poi l’inseguimento, la sparatoria, e infine l’arresto. Scene da film, sulla San Donato-Copertino, teatro di un conflitto a fuoco fra un gruppo di malviventi -in fuga dopo aver messo a segno un colpo ai danni di un’agenzia di assicurazioni a Lequile, in Largo San Vito- ed una pattuglia di carabinieri.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la rapina sarebbe stata commessa intorno alle 19,30. In tre hanno fatto irruzione nell’agenzia “Vittoria”. Travisati e armati di fucile a canne mozze e di pistola, hanno seminato il terrore fra i presenti, costringendo il titolare a consegnare loro denaro contante per circa mille euro.

Ad attenderli, fuori, c’era il quarto complice, a bordo di una Fiat Uno, pronto ad allontanarsi una volta portato a termine il piano criminoso. Subito è scattato l’allarme. E’ stata una pattuglia della stazione di San Pietro in Lama ad intercettare per prima l’auto segnalata. I miliari hanno iniziato a tallonare i fuggitivi che, per evitare la cattura, non hanno esitato ad esplodere alcuni colpi di pistola, crivellando la fiancata della loro auto.

sparatoria2 copy

Quattro, in tutto, i complici in fuga. Uno di loro è rimasto ferito, si tratta di Alessandro Aprile 35enne di San Cesario.  Un altro bandito é stato bloccato, si tratta di DE BENDITTIIS Vincenzo 33enne da San Pietro in Lama, incensurato, mentre gli altri due sono fuggiti a piedi, nelle campagne limitrofe, cercando di far perdere le proprie tracce.

Sul posto, oltre ad un’ambulanza del 118, sono intervenute diverse pattuglie di carabinieri, impegnate nella caccia all’uomo, con l’ausilio dei vigili del fuoco il cui intervento è stato necessario per illuminare le campagne circostanti e agevolare così il lavoro delle forze dell’ordine. Sono stati, inoltre, istituiti diversi posti di blocco lungo le principali arterie di collegamento.

Il giovane ferito, le cui condizioni non destano preoccupazione, è stato trasportato al Fazzi di Lecce e affidato alle cure dei medici. Al momento è ricoverato in Ortopedia con 30 giorni di prognosi.

sparatoria copy

sparatoria3 copy

Foto Stefano De Tommasi