Evasione fiscale 2013: a Lecce la maglia nera

La Guarda di Finanza tira la somma e fa un bilancio dettagliato delle operazione svolte nel 2013. Il Generale MANZON: «Il dato sugli evasori totali e paratotali è indice di una situazione espressiva di un atteggiamento di diffuso inadempimento degli obblighi dichiarativi»

GUARDIA DI FINANZA CONTROLLO DOCUMENTI CONTABILI ISPEZIONE FISCALE

LECCE-Nel 2013 la guardia di finanza ha recuperato 573 milioni di euro nelle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto, con Lecce al primo posto tra le città non solo del Salento ma dell’intera Puglia. Con 378 milioni recuperati dopo verifiche e controlli fiscali si aggiudica la maglia nera.

La Finanza tira la somma e fa un bilancio dettagliato delle operazioni svolte nel corso di un anno. L’evasione sale alle stelle anche nel salento, colpa, secondo il Generale MANZON di un atteggiamento di diffuso inadempimento degli obblighi dichiarativi.

I Reparti operativi hanno concentrato l’attenzione sui fenomeni evasivi di maggiore pericolosità, attuati attraverso insidiosi comportamenti come le frodi carosello,l’ emissione/utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti e sotto fatturazioni che continuano a distorcere il mercato.

Anche nei controlli in materia di scontrini fiscali lecce è al primo posto per le irregolarità in tutte le province pugliesi: 2500 le violazioni accertate a fronte, ad esempio, delle 1500 di Taranto e delle 650 di Brindisi. Lecce supera anche bari dove di irregolarità ne sono state riscontrate 1300.

L’attività delle fiamme gialle ha riguardato anche i cosiddetti “indici di capacità contributiva” su beni mobili ed immobili, come auto, imbarcazioni, abitazioni, espressivi di elevata disponibilità economica. Dati naturalmente confrontati con la “posizione fiscale” dichiarata dai proprietari.

E poi ci sono gli evasori totali, cioè i soggetti completamente sconosciuti al fisco, e quelli paratotali, che hanno cioè nascosto il 50% del loro reddito. A Lecce sono 117 nel primo caso e 23 nel secondo, a Brindisi complessivamente 98 e a Taranto 47.

Infine il dato sul lavoro nero: i lavoratori irregolari trovati nel 2013 sono stati 98 a Lecce, 60 a Taranto, 742 a Brindisi.